Sabato, 16 dicembre 2017 - ORE:04:29

Conti correnti aziendali: le caratteristiche e i migliori del momento

conto corrente aziendale

conto corrente aziendale
Se per un privato il conto corrente è lo strumento per conservare e mettere da parte i risparmi, per un’azienda è molto di più: è un vero e proprio portafoglio per organizzare e gestire i conti del bilancio, lo strumento attraverso cui entrare in comunicazione con gli enti di credito e con i partner, una garanzia di solidità e di affidabilità.

Smartwatch free

Anche per questo motivo è fondamentale scegliere il giusto conto corrente aziendale che funga da valido supporto per tutte le attività di scambio e di gestione.

Le caratteristiche del conto corrente aziendale

Un conto corrente per aziende è caratterizzato, di norma, da un continuo flusso di entrate e di uscite: spese e guadagni sono l’anima di qualunque attività e per questo motivo i conti correnti aziendali devono essere attrezzati a gestire efficacemente questi flussi con un sistema di gestione integrato che preveda anche l’utilizzo del POS. Il POS è l’apparecchio per la lettura delle carte di credito e dei bancomat: in una società moderna in cui gran parte dei pagamenti devono essere effettuati necessariamente con strumenti di pagamento elettronico, l’azienda è tenuta ad avere questo strumento per garantire ai suoi clienti il pagamento di ciò che acquistano e, di conseguenza, deve poter contare su un conto corrente che sia in grado di gestire anche i flussi di moneta elettronica.

Incassi e pagamenti devono poter essere seguiti dal titolare in maniera semplice e immediata, e questo distingue principalmente i conti correnti aziendali da quelli privati.

Inoltre, sono proprio i pagamenti a essere una ulteriore caratteristica peculiare dei conti correnti aziendali, da cui il titolare può prelevare per effettuare i versamenti ai fornitori o ai creditori attraverso d oltre che essere abilitato ai pagamenti tramite bonifico, è abile anche ai MAV (i pagamenti mediante avviso), l’innovativa RiBa (sistema di ricevuta elettronica bancaria), al modulo F24 per le agenzie tributarie di Stato e ai RID (i cosiddetti rapporti interbancari diretti, preclusi ai privati). Si tratta di accorgimenti che contraddistinguono un conto aziendale da uno privato, attraverso cui sarebbe impossibile gestire un’azienda.

Inoltre, le banche sono continuamente disponibili a elargire agevolazioni particolari ai clienti aziendali attraverso piccoli favori sulla base dei loro movimenti e della loro attività. A differenza dei conti privati, infatti, cliente e banca possono accordarsi sulle spese di gestione del conto, che possono essere forfettarie oppure unitarie: nel primo caso il cliente è tenuto al pagamento di una quota fissa mensile slegata dal numero di operazioni eseguite, che sono illimitate. Nel secondo caso, invece, il cliente è tenuto al pagamento di una somma per ogni operazione effettuata: le spese forfettarie, quindi, risultano favorevoli alle aziende che nell’arco di un mese effettuano un elevato numero di operazioni sul conto mentre quelle unitarie sono maggiormente convenienti alle aziende che, invece, non hanno un’elevata movimentazione.

Restando in tema pagamenti, non devono mancare le carte di credito: per lo stesso motivo per cui è indispensabile che l’azienda possegga un POS, è altrettanto importante che a sua volta disponga dei necessari strumenti di pagamento elettronico.

Il mercato dei conti correnti aziendali è in continua evoluzione: periodicamente tutte le banche propongono delle convenzioni e delle offerte per questo genere di conto bancario. Tra conti online e tradizionali le possibilità di scelta non mancano: l’imprenditore deve solamente individuare quello che, per servizi offerti e prezzi, risulta essere il conto maggiormente in linea con le necessità sue e della sua impresa.

Una delle giovani banche più affermate, che sta facendo un gran bene nel settore Business è Fineco, che propone conti correnti business ricchi di servizi, sia online che tradizionali, con poche spese e molti vantaggi. Possibilità di effettuare movimenti online gratuiti, diverse tipologie di carte e possibilità di possederne più di una, Fido, prestiti e consolidamenti, tutto con una minima spesa mensile.

Particolarmente interessante è anche la proposta Unicredit, che offre conti aziendali per piccole aziende con fatturati inferiori a 5milioni di euro, e per aziende di un certo livello, che superano i 5 milioni di fatturato. I servizi offerti vengono realizzati su misura, con costi e supporti pensati proprio per l’attività svolta, proporzionati alle necessità.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 9 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.