Mercoledi, 22 febbraio 2017 - ORE:20:41

Costa Crociere: un colosso in pericolo?


Sono sempre freschi nella mente i due gravissimi incidenti accaduti alle due navi da crociera della flotta di Costa Crociere, quello del 13 Gennaio 2012, che ha coinvolto l’ammiraglia Costa Concordia al largo dell’Isola del Giglio, causando il più grande incidente marittimo di navi turistiche degli ultimi anni, con un numero di vittime che al momento raggiunge quota 25, e quello della Costa Allegra salpata il 25 Febbraio in direzione Seychelles, che si trova attualmente in avaria.

In questo periodo si percepisce un po’ di timore per quello che riguarderà il fatturato e per le prenotazioni turistiche per la compagnia marittima genovese, specialmente dopo tutto quello che è successo, e per l’incertezza che serpeggia tra coloro che vorrebbero passare una vacanza in crociera. Sicuramente sarà difficile riuscire a pareggiare quanto meno un bilancio che lo scorso anno ha fatto registrare entrate per 2,9 miliardi di euro, e un numero di passeggeri intorno ai 2,15 milioni, e grazie a ciò la Costa è di diritto la più grande compagnia turistica italiana. I dati ufficiali riguardanti il bilancio 2010 saranno depositati a fine Marzo e in occasione del Seatrade, il più grande salone crocieristico in programma a Miami, in Florida (USA).

La flotte a disposizione della Costa Crociere è di 14 navi in servizio: Voyager, Classica, Allegra, NeoRomantica, Victoria, Atlantica, Mediterranea, Fortuna, Magica, Serena, Luminosa, Pacifica, Deliziosa, Favolosa con una capienza che si aggira ai 37 mila ospiti totali. A maggio arriverà a disposizione anche la nuovissima Fascinosa, e nel 2014 è prevista la nuova ammiraglia che andrà a sostituire la Costa Concordia.

Rimane comunque indiscutibile il ruolo che Costa Crociere riveste per l’economia italiana: infatti uno studio della business school del politecnico di Milano ha dimostrato che nel 2010 il colosso genovese ha generato 2,2 miliardi di euro per l’economia del Bel Paese, e questo ha riguardato quasi tutte le regioni della penisola. Inoltre la Costa ha investito nel Paese cifre importanti, come i 3,6 milioni per il Palacrociere, nel porto di Savona. Successivamente sono stati investiti 9 milioni di euro per il suo raddoppio, che finirà intorno al 2013.

La business school ha accertato che la Costa dà lavoro a 12.300 dipendenti: 3600 sono impiegati nel gruppo direttamente, 8700 sono coloro che lavorano nella costruzione delle navi nelle catene di montaggio. Cifre notevoli per una nazione in recessione e che ha bisogno anche della forza di industrie come la Costa Crociere per rialzarsi ed essere competitivi.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 38 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.