Giovedi, 29 giugno 2017 - ORE:02:23

Torna la truffa del pacco postale: ecco come difendersi


Purtroppo, quella che vi daremo oggi non è una notizia molto confortante. È in giro, infatti, una nuova truffa: la truffa del pacco postale. Qualcuno l’ha già sentita perché già l’anno scorso creò non pochi disagi.

L’allarme scatta dopo il caso di una signora che su Facebook ha denunciato la sua esperienza: su ‘Una vita da social’, viene così raccontata la vicenda di un’anziana che poteva subire un grosso danno economico se non apriva gli occhi giusto in tempo.

Un uomo che non conosceva ha bussato alla porta di casa sua e ha detto di essere il corriere espresso, e che aveva un pacco da consegnare per il figlio. Il pacco, secondo il ladruncolo travestito da corriere, doveva essere ritirato per contrassegno e quindi era necessario pagare una somma, per ritirarlo, di oltre 100 euro. L’anziana si è subito insospettita, così ha deciso di non aprire. La donna ha fatto benissimo, è riuscita a scacciare i ladri semplicemente non aprendo a nessuno.

Nella pagina si legge: ”Nella mattina di lunedì un uomo ha tentato di mettere a segno un truffa nella zona dell’Isolotto con la tecnica del pacco postale. L’uomo si è infatti presentato in un’abitazione di un’anziana dicendo di dover recapitare un pacco per il figlio della donna. Chiedendo però alla pensionata di pagare oltre cento euro in contanti per la consegna. L’anziana si è insospettita, mandando via l’uomo e chiamando la polizia. Questo tipo di truffa, e altre, come quella del falso avvocato o finto addetto del gas, da tempo serpeggia in città. Per questo il comune sta diffondendo un vademecum, rivolto a tutti ma in particolare per gli anziani, per indicare quali comportamenti tenere per prevenire raggiri, truffe ed episodi di microcriminalità. Nella brochure si individuano alcuni comportamenti per prevenire episodi che purtroppo avvengono, specie nel periodo estivo, in città. Sono state focalizzate quattro situazioni tipo: in casa, per strada, all’interno di esercizi commerciali, banche e uffici postali e nell’utilizzo dei mezzi per la mobilità (auto, autobus, bici) “. Ecco quali contromisure adottare al punto successivo.
Fate attenzione e seguite l’esempio della signora. Magari se siete sicuri che si tratti di una truffa chiamate immediatamente la polizia. CONTINUA A LEGGERE
Fonte: Leggo



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 45 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.