Lunedi, 24 luglio 2017 - ORE:10:49

Gli investitori Usa snobbano l’Italia


investitori

La soluzione potrebbe essere convogliare capitali nel nostro paese

Perché non investire nel Belpaese? I tanto decantati capitali americani non possono arrivare anche da noi? La domanda può sembrare scontata ma, in realtà, non lo è affatto. Da questo passaggio, infatti, passa tutta la strategia economica dei prossimi anni.

Non molti sanno, infatti, che, in questo momento, l’Italia è impantanata al 26esimo posto nella graduatoria degli investimenti diretti americani. Il problema principale, neanche a dirlo, è la mancanza di coraggio.
Si è parlato proprio di questo durante il convegno tenutosi a New York durante l’International Business& Investment Initiative (IB&II) davanti a una platea di investitori americani e italiani che operano dagli Stati Uniti.

Molto interessanti sono state le dichiarazioni rilasciate dal ministro del Tesoro Vittorio Grilli:
«La distorsione sul rapporto qualità prezzo è enorme, non c’è concorrenza».

La richiesta precisa degli investitori americani è di vedere un mercato trasparente e che, soprattutto, non risulti indietro nel settore investimenti nel mondo del lavoro.

A fare eco alla richiesta c’ha pensato l’ambasciatore Thorne: «il nodo chiave resta quello delle incertezze sul fronte giuridico, mancata certezza dei contratti e cause interminabili».

Per farla breve il tempo a disposizione dei compatrioti italiani è davvero ridotto.
Gli “altri” fanno passi avanti e noi rimaniamo costantemente indietro. Anche in questo, però, ci pensa Grilli a rassicurare:
«In novembre abbiamo cambiato marcia per creare lavoro, abbiamo chiesto negoziati privati fra aziende e sindacati, un cambiamento dell’approccio negoziale introducendo più flessibilità e legando la produttività ai salari e nel nostro bilancio di dicembre gli aumenti di salario dovuti a produttività saranno tax free».



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 14 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.